Febbraio 13, 2018 Tania Veleno

Come ti cambio Facebook

[et_pb_section transparent_background=”off” allow_player_pause=”off” inner_shadow=”off” parallax=”off” parallax_method=”on” make_fullwidth=”off” use_custom_width=”off” width_unit=”off” custom_width_px=”1080px” custom_width_percent=”80%” make_equal=”off” use_custom_gutter=”off” fullwidth=”off” specialty=”off” admin_label=”section” disabled=”off”][et_pb_row make_fullwidth=”off” use_custom_width=”off” width_unit=”off” custom_width_px=”1080px” custom_width_percent=”80%” use_custom_gutter=”off” gutter_width=”4″ allow_player_pause=”off” parallax=”off” parallax_method=”on” make_equal=”off” parallax_1=”off” parallax_method_1=”on” parallax_2=”off” parallax_method_2=”on” parallax_3=”off” parallax_method_3=”on” parallax_4=”off” parallax_method_4=”on” admin_label=”row” disabled=”off”][et_pb_column type=”4_4″ disabled=”off” parallax=”off” parallax_method=”on”][et_pb_text background_layout=”light” text_orientation=”left” admin_label=”Text” use_border_color=”off” border_style=”solid” disabled=”off”]

Negli ultimi anni Facebook ci ha abituato ad un’attività di costante aggiornamento. Grazie alla sua estrema popolarità a livello mondiale, il management della piattaforma lavora costantemente affinché il servizio fornito mantenga degli standard di qualità e affidabilità costanti o addirittura crescenti. Per questo motivo riceviamo periodicamente aggiornamenti per le nostre app mobile o nuove funzionalità cross-platform.
Ciò che invece cambia raramente è il funzionamento di ciò che viene definito l’algoritmo di Facebook, il quale ha subito un importante aggiornamento all’inizio di quest’anno. Ma prima di vederne le più importanti novità, facciamo un passo indietro.

 

Che cos’è l’algoritmo di Facebook?

 

L’algoritmo di Facebook, denominato “EdgeRank”, determina cosa e in che ordine visualizziamo le notizie sulla News Feed.Questo è determinato da tre diversi criteri: affinità, peso del contenuto e quando è stato pubblicato. Ogni contenuto viene classificato in base alla somma di queste tre caratteristiche e pertanto visualizzato con priorità o meno sulla nostra bacheca. Questi tre criteri sono da considerare come macro aree, all’interno delle quali vi sono altri “sotto-criteri” che contribuiscono al grado di priorità del contenuto. Per maggiori dettagli vi rimando all’articolo originale.

 

Tornando a noi, nei primi mesi del 2018, Facebook ha effettuato degli importanti aggiornamenti al suo algoritmo. I tre criteri di calcolo sono rimasti invariati, ciò che è cambiato è l’importanza dei singoli e alcuni sotto criteri ad essi collegati. Alla base di tutto c’è la volontà di Facebook di dare maggior importanza ai contenuti creati da amici e familiari rispetto a quelli generati da pagine, ma tutto ciò è riduttivo, vediamone i dettagli.

 

Commenti

 

Il fattore di maggior peso che determinerà la gerarchia dei contenuti sulla News Feed saranno i commenti. L’obiettivo principale di questo aggiornamento sarà stimolare le interazioni tra persone, per questo motivo l’algoritmo farà in modo di mostrare maggiormente tutti quei contenuti che l’utente potrebbe commentare. Attenzione però che tutte le strategie volte a “ingannare” l’utente al fine di farlo commentare (i cosiddetti “bait”) saranno considerate negativamente dall’algoritmo e produrranno l’effetto opposto.

 

Condivisioni

 

L’ammontare di condivisioni ricevute su un post è sempre state una forte discriminante per l’algoritmo del social network, tuttavia è stata inserita un’importante variazione a riguardo nel nuovo aggiornamento. Infatti non sarà più necessaria la sola condivisione affinché il contenuto venga visualizzato con priorità sulla propria News Feed, adesso maggior importanza verrà data alle condivisioni che generano commenti sulle pagine dei profili che hanno condiviso. Se una condivisione non genera una discussione, questa verrà penalizzata.

 

Reazioni
 
Le reazioni manterranno invariato il loro peso, infatti verranno comunque utilizzate come elemento per valutare l’importanza di un post, in quanto i commenti e le condivisioni risultano comunque limitate in confronto a questo tipo di interazione.

 

Lo scopo di questo aggiornamento è dunque stimolare le interazioni tra utenti, in quest’ottica è inevitabile che a beneficiarne siano le interazioni tra persone e persone, piuttosto che tra persone e pagine. Questo perché è più naturale che un utente si interfacci con un’altra persona piuttosto che con una pagina.
Tuttavia questi nuovi paletti non sono da vedere come un ostacolo per i gestori delle pagine, basterà infatti modulare la comunicazione affinché i contenuti prodotti generino discussione tra gli utenti e siano più rivolti all’audience di riferimento.
Personalmente credo che il nuovo aggiornamento sia positivo, i social network sono nati per permettere agli utenti di comunicare tra loro e questo aggiornamento ha come obiettivo proprio questo.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *